**Recovery: Pd, ‘significative modifiche, più investimenti e meno bonus’**

Roma, 7 gen. (Adnkronos) – “Soddisfazione del Pd per le significative modifiche alla bozza del Recovery Plan sulla base delle osservazioni presentate con più investimenti e meno bonus. Giovani, donne, mezzogiorno, servizi sociali, asili nido, sanità, politiche del lavoro, turismo e cultura, meno bonus e più investimenti per imprese innovative, terzo settore sono i pilastri sui quali il Pd ha chiesto modifiche sostanziali alla bozza del Recovery Plan”. Così il Partito Democratico in una nota.
‘Dall’aumento delle risorse per la sanita’ e per i servizi sociali, con una maggiore attenzione agli anziani, ai bambini e alle famiglie attraverso più risorse per gli asili nido e politiche per persone con disabilità, nella bozza del Recovery Plan sono state accolte le sollecitazioni del Pd ad intervenire per ridurre le diseguaglianze che sono cresciute anche a causa della pandemia. Aumentano le risorse per i giovani e per il terzo settore. Abbiamo chiesto che ci sia un’accelerazione sulla riforma degli ammortizzatori sociali e sugli strumenti che possono aiutare le persone a trovare un nuovo lavoro”.
“Sulle politiche industriali è stata accolta la sollecitazione a rafforzare gli investimenti, finalizzando le risorse ai progetti in grado di sviluppare filiere nei settori più avanzati dal punto di vista tecnologico, della sostenibilità ambientale, dell’innovazione sociale e culturale. è stata molto rafforzata l’attenzione e le corrispondenti risorse tese a ridurre il divario tra diverse aree del Paese. Inoltre è stata accolta l’osservazione del Pd relativa ad una maggiore trasversalità nel piano dell’obiettivo sulla parità di genere”.