Recovery: bozza piano, più fondi a istruzione e ricerca, con 27,9 mld avanti Sud

Roma, 7 gen. (Adnkronos) – Quasi 28 miliardi, 27,9 per l’esattezza, le risorse del Recovery plan destinate all’Istruzione e alla ricerca. “La prima componente, ‘Potenziamento delle competenze e diritto allo studio’ – si legge nelle 13 pagine delle linee di indirizzo del piano inviate alle forze di maggioranza – è dedicata al potenziamento delle competenze e del diritto allo studio, alla lotta contro la povertà educativa e ai divari territoriali nella quantità e qualità dell’istruzione. La componente è stata significativamente rafforzata nella sua dotazione finanziaria”, si rivendica nel testo.
“Le linee portanti sul contrasto ai divari territoriali sono costituite da un forte investimento su asili nido, scuole di infanzia e sezioni primavera, potenziato per colmare il divario nei confronti dei paesi europei più avanzati, in particolare nel Mezzogiorno – si legge ancora nel testo – insieme a interventi sulle scuole con maggiore incidenza di abbandono ed esiti educativi deboli, e finanziamenti per alloggi per studenti. Per il potenziamento della didattica si prevedono interventi per la didattica digitale integrata, le competenze STEM e il multilinguismo, con un focus specifico alla formazione delle donne”.