**Recovery: bozza, a Istruzione oltre 28 mld, più tempo pieno, nido e borse studio**

Roma, 11 gen. (Adnkronos) – Ritocco a rialzo per il capitolo istruzione e ricerca del Recovery plan. Anche rispetto al documento di sintesi presentato giovedì scorso alle forze di maggioranza, le risorse per questo comparto salgono da 27,91 a 28,49 miliardi. Nel Pnrr si punta, in estrema sintesi, ad aumentare l’offerta di asili nido e servizi per l’infanzia e favorirne una distribuzione equilibrata sul territorio nazionale; ampliare le opportunità di accesso all’istruzione e contrastare l’abbandono scolastico e la povertà educativa; migliorare i risultati e i rendimenti del sistema scolastico; potenziare la formazione e il reclutamento del personale docente; istituire un Fondo per la riduzione dei gap dell’istruzione e per facilitare la diffusione del tempo pieno su tutto il territorio nazionale.
E ancora: rafforzare la formazione professionale secondaria e universitaria, l’apprendistato professionalizzante e gli investimenti in formazione terziaria; ridurre lo squilibrio di competenze tra domanda e offerta di lavoro. Nel piano è previsto poi il finanziamento dell’aumento del numero di borse di studio universitarie e la riforma il sistema di esenzione dalle tasse scolastiche a favore di studenti meritevoli e bisognosi. In particolare, si prevede l’estensione della no-tax area a studenti provenienti da famiglie con ISEE inferiore ai 23.500 euro; l’incremento delle borse di studio di 700 euro e il finanziamento delle borse per una quota più ampia di iscritti.