Milan, senti Pato: “tornare sarebbe un sogno. Vice-Ibra? Mi basterebbero due partite per giocare”

Alexandre Pato ha parlato del suo possibile ritorno al Milan, sottolineando come inizialmente si accontenterebbe anche di vare il vice-Ibrahimovic

L’Italia gli manca, ci tornerebbe di corsa dopo l’esperienza al Milan caratterizzata da  150 partite, 63 gol, uno scudetto e una Supercoppa di Lega. Alexandre Pato adesso è libero di scegliere il proprio destino e, proprio potesse farlo, desidererebbe indossare di nuovo la maglia rossonera, quella che lo ha presentato al grande calcio.

Marco Luzzani/Getty Images

Interrogato sul proprio futuro, il brasiliano ha ammesso: “sarebbe un sogno poter tornare al Milan, che è nel mio cuore. Accetterei di fare il vice-Ibra, che problema c’è? Semplicemente perché io non arriverei per fare il vice: giocherei, mi basterebbero un paio di partite per convincere il mister. No dai, diciamo che magari con Ibra potremmo giocare insieme, saremmo una gran coppia. Mi ispiro a lui innanzitutto perché se Ibra può fare quel che fa a 39 anni, posso riuscirci anch’io a 31. Basta solo la volontà, che lui ha dentro e fuori dal campo” le parole di Pato alla Gazzetta dello Sport. “Per me è uno stimolo osservarlo. E’ un bravo ragazzo, magari a volte un po’ strano ma molto buono. Impazzisco anche per Hernandez, una via di mezzo tra Cafu e Serginho“.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Milan, idea Mandzukic per il vice-Ibra

Pioli e la… Fiorentina

Pioli
Emilio Andreoli/Getty Images

Pato poi si è soffermato sulla crescita di Pioli e su una possibile esperienza con la maglia della Fiorentina: “per fortuna a Pioli hanno dato fiducia. Sa gestire Ibra, tutto il gruppo, i rapporti col club. Sognare lo scudetto è lecito. Pioli è il tecnico giusto per un Milan che farà una strada lunga. Se vuole, mi può chiamare. La Fiorentina? Valuterò quello che davvero sarà fattibile. La Fiorentina è un’ottima società, con tanti campioni e una squadra buona. E poi è una città bellissima“.