Olimpiadi di Tokyo 2021 (ancora) a rischio per l’Italia, ma stavolta il Governo non c’entra

L'Italia rischia di non andare alle Olimpiadi di Tokyo 2021 ma stavolta per un problema generale, a causa del rischio cancellazione dell'intera manifestazione

L’Italia ha evitato in extremis l’esclusione dall’Olimpiade di Tokyo 2021, ma non è detto che la delegazione azzurra possa partire per il Giappone la prossima estate. Ovviamente questo non dipenderà più dal Coni, bensì dal CIO e dal Comitato Organizzatore dei Giochi, protagonisti di una lotta contro il tempo per evitare la cancellazione dell’evento. Il rischio concreto c’è eccome, ma sia Thomas Bach che gli organizzatori non vogliono sentirne parlare, lavorando giorno e notte per scongiurare sia uno slittamento che un annullamento.

Le parole di Bach

Nella storia a cinque cerchi non c’è mai stato un rinvio e la situazione legata alla pandemia rende l’organizzazione estremamente difficile, lasciando il campo aperto a qualsiasi tipo di speculazione” le parole di Bach in conferenza stampa. “Lavoriamo giorno e notte per arrivare alla cerimonia di apertura del 23 luglio e per arrivarci in estrema sicurezza. Al limite, sebbene sia prematuro parlarne, anche con stadi a porte chiuse“.

LEGGI ANCHE: L’Italia evita la figuraccia in extremis, le Olimpiadi di Tokyo 2021 non sono più un miraggio

Parere contrario

L’emergenza Coronavirus spinge quasi la totalità del Giappone a chiedere il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo 2021, l’80% della popolazione infatti vorrebbe addirittura la definitiva cancellazione per evitare l’aumento dei casi. Per non parlare del ministro giapponese Taro Kon,o che ha sentenziato: “siamo lontani da qualsiasi certezza”. Anche il Times è tornato alla carica dopo aver diffuso le voci di annullamento, sostenendo come il Governo giapponese sia pronto a ufficializzare la rinuncia. Tuttavia, appare improbabile che il CIO rinunci, considerando le ingenti perdite a cui dovrebbe far fronte. Il budget supera i 13 miliardi di euro e, in caso di annullamento, l’impatto sarebbe devastante.

Assicurazioni

Le assicurazioni coinvolte nell’organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo 2021, in caso di cancellazione, arriverebbero a perdere tra 1.6 e 2.4 miliardi, la più alta cifra di sempre in circostanze analoghe. Come se non bastasse, l’eventuale addio ai Giochi metterebbe al tappeto molte federazioni, che non riuscirebbero a rialzarsi se non con lauti aiuti da parte del CIO. Difficile quindi prevedere cosa succederà, l’obiettivo è senza dubbio quello di far disputare le Olimpiadi di Tokyo 2021 in sicurezza e probabilmente a porte chiuse. Lo spettro della cancellazione però c’è, le prossime settimane saranno decisive per capirci qualcosa.