Morte Maradona, ennesimo schiaffo al Pibe: Diego ‘incolpato’ per l’aumento dei contagi in Argentina

La morte di Maradona è stata indicata come possibile causa dell'aumento dei contagi da Coronavirus in Argentina, visti gli assembramenti creatisi in quel periodo

La morte di Maradona ha colpito al cuore milioni di persone, riversatesi in strada in Argentina e in Italia per dimostrare tutto il proprio affetto nei confronti del Pibe.

Funerali Maradona
Tomas Cuesta/Getty Images

Il 25 e il 26 novembre, tra Buenos Aires e Napoli, una folla imponente ha ricordato il proprio idolo davanti ai monumenti della sua carriera, facendo molto discutere a causa dell’emergenza sanitaria che il mondo sta affrontando. Adesso sono in molti a puntare il dito contro la morte di Maradona che, secondo gli esperti, ha generato quegli assembramenti che hanno fatto crescere i contagi di Coronavirus in Argentina.

LEGGI ANCHE: Morte Maradona, Diego Jr svela: “ho parlato con papà della sua morte”

La figlia sbotta sui social

Maradona
Rodrigo Valle/Getty Images

Giannina Maradona, figlia del Pibe ed ex compagna del Kun Aguero, ha deciso di intervenire per difendere il padre, pubblicando sui social una lettera aperta: “non incolpate papà per l’aumento dei contagiVedremo come risolvere la cosa, sappiamo che Diego era un po’ di tutti ed è bellissimo vedere tutti i murales che vengono fatti in suo onore. Ed è bello anche il fatto che chiunque ci dica che vuole andare presso una di queste opere a deporre dei fiori possa farlo. Prudenza con le parole, ed empatia e pietà per chi è passato in una situazione come la nostra, e per coloro che non hanno potuto dare l’ultimo saluto ai propri familiari a causa di ciò che stiamo vivendo. Ma non è stata colpa di Maradona per quello che è successo lo scorso 25 novembre. Io avrei preferito rimanere in una stanza sola con la mia famiglia, non incolpateci per l’aumento dei contagi. Rispetto per lui che ora è in cielo, rispetto per noi rimasti qui a piangere per nostro papà, o fratello, o nonno o amico”.