Mortalità alle stelle negli USA, il terribile allarme delle pompe funebri: “scarseggiano i pini per le bare”

Le pompe funebri degli Stati Uniti hanno lanciato un clamoroso allarme, scarseggiano infatti i pini per costruire le bare per i deceduti causa Coronavirus

L’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio gli Stati Uniti, primo Paese al mondo per contagi e per numero di morti.

coronavirus
Spencer Platt/Getty Images

Nella giornata di ieri, sono stati registrati ben 277.346 contagi in 24 ore, superando ormai i 20 milioni di casi totali, mentre sono più di 350mila le persone decedute. Nei prossimi mesi poi le vittime potrebbero aumentare, per questo motivo le pompe funebri hanno lanciato un nuovo allarme, essendo a corto di pini per costruire le bare.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il bollettino del 3 dicembre 2021

L’allarme delle pompe funebri

David Dee Delgado/Getty Images

I responsabili delle pompe funebri dell’area di Los Angeles non sanno più come far fronte al crescente numero di deceduti: “siamo in crisi e la situazione è disperata” le parole di Magda Maldonado che gestisce la Continental Funeral Homes. “Le pompe funebri non hanno più spazio per ricevere i cadaveri. Tutti lavorano sette giorni alla settimana più gli straordinari. Siamo esausti“. Un altro problema è l’assenza di legno per costruire le bare: “il legno sta scarseggiando, soprattutto il pino, che è il più economico” ha sottolineato Auriel Suarez, proprietario della Universal Caskets Manufacturing Corporation, nell’est di Los Angeles. “In 52 anni di attività, non ho mai visto niente di simile. A volte le bare non arrivano in tempo per i funerali“.