Da Sainz ad Albon, il curioso ritratto di Max Verstappen: “è un veloce bastardo, ma… non puzza”

Gli ex compagni di Max Verstappen ne hanno tracciato un particolare ritratto, il più simpatico ovviamente non poteva che essere Daniel Ricciardo

Sono passati quasi sei anni dal debutto in Formula 1 di Max Verstappen, l’olandese infatti nel 2015 salì per la prima volta sulla Toro Rosso insieme a Carlos Sainz Jr, riuscendo in poco tempo a conquistarsi la promozione in Red Bull.

Verstappen
Mark Thompson/Getty Images

Nonostante la giovane età, Mad Max ha sempre dimostrato velocità e personalità, vincendo addirittura il Gran Premio di Barcellona al suo esordio sulla monoposto di Milton Keynes. A distanza di sei anni, l’emittente Ziggo Sport ha chiesto ai compagni di Verstappen un commento sulle sue qualità, disegnandone un particolare ritratto.

LEGGI ANCHE: F1, Max Verstappen e la rivelazione su Michael Schumacher

Il ritratto di Max Verstappen

Sainz
ph. Ferrari

Il primo a soffermarsi sulla descrizione di Max Verstappen è stato Carlos Sainz Jr, suo primo compagno: “il 2015 è stato un anno veramente intenso, in ogni sessione di prove libere continuavamo a scendere in pista con l’obiettivo di fare meglio dell’altro alzando l’asticella di sessione in sessione. Si è creata tantissima competizione ed è stata una delle stagioni più belle ed intense che ho avuto sino ad ora nella mia carriera da pilota”. 

Ricciardo
Mark Thompson/Getty Images

Particolare invece la descrizione di Daniel Ricciardo: “Verstappen è tenace e veloce. In più non puzza e non soffre troppo di meteorismo, è un ragazzo a posto. Quando mi batteva pensavo semplicemente che era stato più bravo e veloce di me. Non ho mai pensato che ci fosse altro dietro le prestazioni registrate dal cronometro”.

Bryn Lennon

 Più diretto Pierre Gasly: “Max è un freddo e veloce bastardo. Nei kart abbiamo avuto un paio di incidenti che di sicuro non mi fecero ridere, ma è un ragazzo divertente con il quale uscire. In alcune occasioni abbiamo trascorso delle belle serate insieme”. Infine, non poteva mancare Alexander Albon: “è schietto e va dritto al punto. Ha grande personalità e quando vuole qualcosa la ottiene. La fiducia che ha nei propri mezzi è la sua forza”.