L’Inter colpisce forte, la Juventus se ne va in… Barella da San Siro

L'Inter vince contro la Juventus e aggancia il Milan momentaneamente in vetta alla classifica, Vidal e Barella decidono la sfida di San Siro

Se fosse stato un match di pugilato, la Juventus sarebbe finita al tappeto per ko tecnico molto prima dei dodici round.

Vidal
Marco Luzzani/Getty Images

I colpi ben assestati dell’Inter tramortiscono la squadra di Pirlo, apparsa vuota e senz’anima, proprio come il Meazza deserto. Un autentico massacro quello andato in scena nel big match della diciottesima giornata, con Vidal e Barella che disegnano nell’arco dei due tempi uno 2-0 che, al triplice fischio finale, non lascia alcun dubbio sull’andamento dell’incontro.

La prima volta di Conte

Conte
Marco Luzzani/Getty Images

Finalmente, dopo cinque tentativi, Antonio Conte riesce a vincere da ex contro la Juventus. Quattro sconfitte su quattro partite prima di questa sera, quella giusta per sfatare questo tabù e agganciare il Milan in testa alla classifica. I nerazzurri giocano a memoria e con aggressività, mettendo in campo tutte le caratteristiche chieste da Conte: intensità, velocità e cinismo. Vidal trova il vantaggio nel primo quarto d’ora e Barella chiude i conti nella ripresa, per il resto la difesa regge alla perfezione e Handanovic deve fare solo una grande parata nel finale. Una serata perfetta per l’Inter, riuscita finalmente a eliminare nell’arco dei 90 minuti quelle amnesie costate care finora.

Redivivo Vidal

Inter
Marco Luzzani/Getty Images

Dopo quattro mesi, Antonio Conte ritrova il suo guerriero, quell’Arturo Vidal che nel pre-partita bacia lo stemma della Juventus e poi fa sognare l’Inter con il gol dell’1-0. Primo sigillo in campionato per il cileno, che sale in cattedra nella partita giusta e piega il match a favore dei nerazzurri. Un rinforzo dal mercato di gennaio trovato già in casa, dopo averlo aspettato e criticato a lungo. Il guerriero è tornato, la prima ad accorgersene è stata la Juventus.