Game, set and match: l’Inter gioca a tennis col Crotone ma teme per Lukaku

L'Inter ne fa 6 al Crotone e va momentaneamente in testa alla classifica, l'infortunio di Lukaku però spaventa Conte in vista dei prossimi match in programma

SportFair

Comincia come meglio non potrebbe il 2021 per l’Inter, che gioca a tennis con il Crotone a San Siro.

Conte
Enrico Locci/Getty Images

I nerazzurri ne fanno 6 ai calabresi, soffrendo in avvio e dilagando nella ripresa, superando momentaneamente il Milan in testa alla classifica. Un lunch-match che avrebbe potuto andare di traverso ad Antonio Conte dopo il gol iniziale di Zanellato, ribaltato poi da Lautaro Martinez e dall’autogol di Marrone, prima del 2-2 firmato Golemic. Una rete rivelatasi poi inutile, considerando la tripletta del Toro e gli acuti di Lukaku e Hakimi.

Paura Lukaku

Lukaku
Paolo Rattini/Getty Images

Una giornata perfetta se non fosse per l’infortunio occorso a Romelu Lukaku, uscito alla mezz’ora della ripresa per un problema alla coscia. Un guaio per il quale il belga potrebbe essere costretto a fermarsi, obbligando Conte a fare a meno del proprio cannoniere in un momento delicato della stagione. Questa la nota dell’Inter sulle condizioni di Lukaku: “Romelu Lukaku sostituito al 75’ della gara contro il Crotone per una contrattura al quadricipite della coscia destra“. Il belga verrà monitorato in questi giorni, con la speranza di poterlo avere per il match di mercoledì con la Sampdoria.

Avvio fulminante

Alessandro Sabattini/Getty Images

Game, set and match per l’Inter a San Siro, un trionfo quello contro il Crotone che permette ai nerazzurri di essere la prima squadra dal 1959 a segnare ben sei reti all’esordio nell’anno solare. Merito soprattutto della super prestazione di Lautaro Martinez, alla prima tripletta con la maglia dell’Inter. Il Toro ne aveva segnate due in un mese con la maglia del Racing, ma mai in Italia con i nerazzurri. Nella sua giornata c’è spazio anche per il 50° gol in 70 partite di Lukaku e il sigillo di Hakimi, che si dimostra sempre più prezioso per Conte. Adesso all’Inter non resta che attendere Benevento-Milan, sperando in un risultato negativo per prendersi la vetta della classifica.