Lewis Hamilton resta disoccupato: i motivi che complicano il rinnovo con la Mercedes

Lewis Hamilton resta al momento disoccupato e senza una squadra, due potrebbero essere i motivi che complicano il suo rinnovo con la Mercedes

Il 2021 è arrivato e con sé anche tutte le aspettative per il prossimo Mondiale di Formula 1, che scatterà a marzo.

Mark Thompson/Getty Images

Tutti i team stanno mettendo a punto le proprie monoposto in vista dei test pre-stagionali e del debutto ufficiale, fissato al momento per il week-end del 21 marzo a Melbourne, in Australia. La Mercedes sta sviluppando la nuova W12, ma al momento non ha definito la propria line-up, che consta solo di Valtteri Bottas. Lewis Hamilton come noto è disoccupato dopo la scadenza del suo contratto arrivata il 31 dicembre 2020.

Il mancato rinnovo

Mark Thompson/Getty Images

La dead-line per la firma sul contratto è stata spostata di giorno in giorno da Lewis Hamilton e Toto Wolff, giungendo fino alla scadenza del contratto, che comunque non sposta nulla nell’economia della trattativa. Sia il britannico che il team principal austriaco hanno già dato segnali di voler firmare il nuovo accordo, ma qualcosa al momento ha bloccato l’operazione, altrimenti l’ufficialità sarebbe già arrivata. Sicuramente non si tratta della figura di George Russell, che non spaventa affatto Lewis Hamilton, nonostante l’ottima prestazione fornita a Sakhir. Certamente l’attuale pilota della Williams avrà un futuro in Mercedes, ma non è lui a bloccare la trattativa per il rinnovo.

I motivi

Hamilton
Pool/Getty Images

Stando alle indiscrezioni che emergono da Brackley, sembrerebbe che il difficile momento economico dettato dalla pandemia di Coronavirus abbia indotto la Daimler a rivedere al ribasso l’ingaggio di Lewis Hamilton. Il britannico, nominato da poco baronetto d’Inghilterra, vorrebbe uno stipendio simile al precedente: ossia sui 45 milioni di sterline. Una cifra spropositata per Ola Kallenius, che vorrebbe abbassarla anche in seguito ai tagli degli ultimi mesi. Un altro problema da risolvere potrebbe essere la durata del contratto, dal momento che questo accordo potrebbe essere l’ultimo per Hamilton, che giovedì compirà 36 anni. Tanti dunque gli ostacoli da superare, ma è pressoché certo che si giungerà ad una felice conclusione, che riporterà Lewis in testa alla griglia.