**Governo: Sandra Lonardo a Renzi, ‘io ‘lady’ Mastella? Lui né sir né gentleman’**

Roma, 5 gen. (Adnkronos) – “Con ironia maschilista, ai limiti del sarcasmo sessista, il senatore Renzi mi chiama ‘Lady’, innescando, poi, nei miei riguardi, una inutile e sgradevole polemica politica. Ritengo che, ognuno di noi, debba essere, oggi, responsabile, a prescindere dal ruolo di maggioranza o di opposizione”. Così la senatrice del Gruppo Misto, Sandra Lonardo.
“Lo esige il dovere verso i nostri concittadini. Io mi sento responsabile per me, e solo per me, e lo faccio senza chiedere nulla a nessuno, e senza aver avuto indicazioni da nessuno. Dicesse lui, invece, al Paese, che non chiederà nessuna carica ministeriale per sé o cambi di Dicastero più pesanti per i suoi amici; che la crisi al buio l’ha aperta per nobili ragioni, e non per tornaconto”.
“Non comprendo questo tentativo di stalkeraggio nei miei confronti, fuorviante e patetico. A volte, e mi dispiace, Renzi somiglia tanto al Barone di Münchhausen, che pensava di alzarsi da terra tirandosi per i capelli. Il limitato consenso elettorale lo costringe, ahimé, a stare con i piedi per terra. Io sarò una ‘Lady’, ma lui non è né un Sir né un gentleman”.