Coronavirus, arrestato un primario dell’ospedale di Montichiari: ha ucciso due pazienti con un farmaco letale

Un primario dell'Ospedale di Montichiari è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario per aver ucciso due pazienti, somministrandogli un farmaco letale

Una notizia tanto assurda quanto tragica arriva dall’Ospedale di Montichiari, dove il primario ff del pronto soccorso è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario.

Coronavirus
Michele Lapini/Getty Images

Carlo Mosca, questo il nome del medico sottoposto agli arresti domiciliari, avrebbe somministrato volontariamente farmaci letali a due pazienti di 61 e 80 anni, determinandone la morte. Si tratta di un anestetico e bloccante neuromuscolare che ha aggravato improvvisamente le condizioni dei due malati, portandoli repentinamente al decesso.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, botta e risposta Salvini-Sileri sull’errore della Lombardia

Le indagini

vaccino
Max Cavallari/Getty Images

I fatti risalgono al marzo scorso, dunque in piena pandemia, per questo motivo gli inquirenti hanno disposto la riesumazione delle salme e l’autopsia ha rilevato tra i tessuti la presenza del farmaco in questione che, se assunto in ingenti quantità, conduce alla morte del paziente. Inoltre, la somministrazione del medicinale non è stata inserita all’interno della cartella clinica, tanto da ipotizzare a carico del dottor Carlo Mosca anche il reato di falso in atto pubblico.