Coronavirus, le assurde teorie di Ciampolillo: “sono vegano, il virus non mi prende. Vaccino? Meglio la cannabis”

Il senatore Ciampolillo ha espresso le proprie considerazioni sul Coronavirus, sottolineando come non farà il vaccino e si curerà con la dieta vegana

E’ diventato il protagonista della votazione svoltasi ieri in Senato, chiedendo di esprimere il proprio voto quando la presidente Casellati aveva appena chiuso le operazioni. Lello Ciampolillo è riuscito alla fine ad esprimere la sua preferenza, accordando la fiducia al Governo Conte e permettendogli di ottenere la maggioranza semplice.

L’ex senatore dei Cinque Stelle oggi ha parlato ai microfoni de La Zanzara su Radio 24, esprimendo concetti tutt’altro che condivisibili: “la mascherina la uso, ma non è quella la soluzione. Io sono per il modello svedese dove i morti sono pochi e non hanno fatto un giorno di lockdown. Questa è la mia idea. Spesso da noi si conteggiano come morti da Covid quelli morti in incidenti stradali e se tu hai avuto il Covid ad agosto e muori oggi, ti mettono come morto da Covid mentre hai un’altra malattia“.

LEGGI ANCHE: Scoppia il caso Ciampolillo al Senato, la presidente Casellati chiede il Var

No al vaccino

Il senatore Ciampolillo poi ha espresso il suo punto di vista sul vaccino: “non lo farò e sono per la libera scelta. Ad oggi ci sono delle evidenze di danni collaterali già pubblicate, paralisi facciali, ci sono anche delle morti. Non è la soluzione per uscire dal Covid. Bisogna puntare molto sulle difese immunitarie personali. Io sono vegano e ho difese immunitarie altissime. Io sono vegano e i vegani si difendono meglio dal Covid perché hanno difese immunitarie quasi perfette. A Conte ho consigliato di diventare vegano, l’ho suggerito per stare meglio“.

Cannabis come rimedio al Covid

Conte premier
Ricardo Ceppi/Getty Images

Lello Ciampolillo poi ha rivelato di aver suggerito al ministro Speranza di curare il Coronavirus con la cannabis: “a febbraio ho suggerito a Speranza di utilizzare la cannabis come rimedio al Covid. A luglio il Medical College della Georgia ha pubblicato uno studio in cui si dice chiaramente che il cannabidiolo, che viene dal fiore di cannabis, cura gli effetti gravi del Covid, blocca la tempesta citochimica evita l’infiammazione evita i trombi e ti salvi. Il cannabidiolo può prevenire, le canne sono un’altra cosa. Il mix di tabacco e cannabis è tossico, che è veleno. Meglio la marijuana del tabacco, la cannabis non è nociva e può aiutare contro il Coronavirus. Sono a favore della legalizzazione della cannabis, mentre col tabacco si muore“.