Coronavirus, Brusaferro scoraggia l’Italia: “impossibile parlare di ritorno alla vita normale”

Silvio Brusaferro ha parlato in vista della scadenza del Decreto Natale, sottolineando come non si può parlare di un ritorno alla vita normale

Il periodo festivo sta per concludersi, così come gli effetti del Decreto Natale adottato per definire le misure anti-Coronavirus nel periodo compreso tra il 24 dicembre e il 6 gennaio.

Coronavirus
Vittorio Zunino Celotto/getty images

A partire dal 7 però non ci sarà un liberi tutti, anzi si tornerà alle fasce di colore con cui l’Italia era divisa fino a poche settimane fa. Sulla questione si è soffermato al Corriere della Sera il professor Silvio Brusaferro, presidente dell’ISS: “il 7 gennaio vita normale? Andiamoci piano. Come si può parlare di ritorno alla vita normale! Viviamo in una pandemia, il virus circola diffusamente nel nostro Paese e i servizi sanitari sono sotto stress. Non è il momento di rilassarsi. Tutti i dati mostrano che l’epidemia non è finita, è ancora in una fase molto pericolosa. Abbiamo però imboccato la strada per controllarla grazie ai vaccini”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il bollettino del 2 gennaio

Rispettare le misure

Emanuele Cremaschi/Getty Images

Silvio Brusaferro poi ha sottolineato come tutti gli italiani dovranno continuare a rispettare le norme basilari anti-Coronavirus: “bisogna evitare che la curva riparta e questo si può fare adottando con rigore e sistematicamente le misure di prevenzione che ormai gli italiani conoscono: mascherina, distanziamento, igiene delle mani, no assoluto agli assembramenti. C’è stata una decrescita nell’occupazione dei posti letto ma ultimamente è rallentata e la capacità di reggere l’impatto dei ricoveri si è ridotta. Ecco perché è necessario evitare che la curva si rialzi”.