Condizioni Elabdellaoui, il medico ammette: “ustione termochimica, rischia una seconda operazione”

Sulle condizioni di Elabdellaoui si è soffermato il medico dell'ospedale di Liv, che ha sottolineato come il giocatore dovrebbe subire un'altra operazione

Sono ore di ansia e di apprensione per le condizioni di Omar Elabdellaoui, giocatore del Galatasaray che nella notte di Capodanno è rimasto vittima di un brutto incidente.

Il difensore norvegese si è visto esplodere tra le mani un petardo, che gli ha causato danni non solo alle mani e e alle labbra, ma anche agli occhi e al naso. Immediato il ricovero in ospedale, dove i medici sono intervenuti per prestare le prime cure del caso. Inizialmente si è temuto per la vista di Elabdellaoui, il pericolo non è ancora scampato però la situazione sembra migliorata.

LEGGI ANCHE: Botti di Capodanno, Omar Elabdellaoui rischia di perdere la vista

Le parole del medico

Sulle condizioni di Elabdellaoui si è soffermato il professor Vedat Kaya, medico dell’ospedale di Liv dove il giocatore è ricoverato: “è arrivato in ospedale intorno a mezzanotte, ferito ad entrambi gli occhi. Un occhio è stato più danneggiato dell’altro, ma è ancora troppo presto per dire se l’incidente avrà effetti a lungo termine. Siamo già intervenuti con un team oftalmologico, le sue condizioni sono buone ma potrebbe essere necessario un nuovo intervento, dobbiamo aspettare e valutare. Al momento ha la capacità di vedere, ma ora non posso dire come e quanto. Tecnicamente parlando la sua è un’ustione termochimica. Abbiamo eseguito un processo di pulizia e tutte le procedure necessarie dal punto di vista medico. Ora stiamo pianificando se e quando intervenire di nuovo“.