Cinema: addio al ballerino Adolfo Quinones, star dei due film ‘Breakdance’

Los Angeles, 2 gen. – (Adnkronos) – L’attore, ballerino e coreografo statunitense Adolfo Quinones, ammirato acrobata dell’hip-hop, interprete nel 1984 dei film di grande successo “Breakdance” e “Breakdance 2”, è morto nella sua casa di Los Angeles all’età di 65 anni. In un’intervista con “The Hollywood Reporter”, il suo addetto stampa Biff Warren ha detto che Quinones era risultato negativo al test Covid lunedì scorso, ma “il giorno dopo è morto”.
Noto come Shabba-Doo, era stato definito “il primo idolo dell’hip-hop” da “Dance Magazine”. Quinones era stato uno dei fondatori della famosa compagnia di street dance The Lockers ed era apparso con altri membri, tra cui Fred Berry e Toni Basil, al “Saturday Night Live” nel 1975. Successivamente si è esibito come membro della Soul Train Gang in televisione e a Broadway. Quinones è stato in tour con Madonna come ballerino principale nel suo tour “Who’s That Girl?” nel 1987 ed è stato il suo coreografo in molti dei suoi video. Ha anche lavorato al fianco di Lionel Richie e Luther Vandross e ha coreografato la performance di Three 6 Mafia agli Academy Awards del 2006.
Quinones ha recitato al fianco di Michael “Boogaloo Shrimp” Chambers nel ruolo dello street artist Ozone nei due film “Breakdance”, che hanno lanciato una vera e propria rivoluzione culturale, e sempre nel 1984 ha ballato in “Breakin’ Electric Boogaloo”. Ha ballato in altri film come “Xanadu” (1980), “Tango & Cash” (1989), “Ballo proibito” (1990), “Il ballo mortale” (1990) e “Rave – ballando un altro ritmo”.