Disseppellisce il gatto morto e lo cuoce, Azealia Banks si difende: “allora anche i cattolici sono cannibali”

Azealia Banks ha spiegato il motivo per il quale ha disseppellito il suo gatto morto da tre mesi e lo ha messo a bollire, sbottando sui social contro i detrattori

Ha fatto molto scalpore il video postato in rete da Azealia Banks, rapper statunitense che, prima ha disseppellito il suo gatto morto da tre mesi, per poi metterlo in una pentola a bollire.

In molti hanno pensato che la cantante lo stesse facendo per mangiare poi l’animale ma, intervenendo sui propri canali social, Azealia Banks ha sottolineato come il suo intento fosse un altro.

LEGGI ANCHE: Azealia Banks riesuma il suo gatto e lo cuoce, il VIDEO è abominevole

La spiegazione

Tramite alcune Instagram Stories, Azealia Banks ha spiegato il motivo per cui ha deciso di bollire il suo gatto, lanciando accuse contro i malpensanti: “perché pensate che mangerei il cadavere di un gatto quando riesco a malapena a mangiare quello di una mucca? Si chiama tassidermia. Molti cacciatori conservano le teste dei cervi appendendole al muro. Cari… siete razzisti e questo è davvero contro il movimento #blacklivesmatter. La gatta è in ammollo nel perossido per pulirla bene, così poi posso portarla in gioielleria e ricoprirla d’oro. Lucifero era un’icona e merita di essere conservata. Anche se voi non siete come me. I cattolici, da rito, consumano il corpo ed il sangue di Cristo alla messa… anche la comunione sostituisce la vera carne ed il vero sangue col pane e col vino. Oppure anche i cattolici sono vampiri e cannibali?“.