Assalto al Congresso USA, incriminato Klete Keller: pesanti capi d’accusa contro l’ex olimpionico

Pesantissime accuse all'indirizzo di Klete Keller, protagonista dell'assalto al Congresso USA avvenuto lo scorso 6 gennaio a Washington

Klete Keller è stato ufficialmente incriminato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, l’ex nuotatore rischia grosso per aver manifestato a favore di Donald Trump facendo irruzione al Congresso.

Klete Keller
Donald Miralle/Getty Images

Lo statunitense dovrà rispondere davanti al giudice di numerosi capi d’accusa tra cui entrata illegale al Campidoglio, condotta violenta e resistenza a pubblico ufficiale. Keller è stato riconosciuto dalle autorità sia per la sua stazza, essendo alto più di due metri, che per la felpa della Nazionale USA indossata durante l’assalto al Congresso degli Stati Uniti avvenuto il 6 gennaio.

LEGGI ANCHE: Assalto Congresso USA, un ex nuotatore rischia grosso

Nuova grana per Keller

Klete Keller
Todd Warshaw/Getty Images

L’incriminazione per i fatti avvenuti al Congresso rappresentano un’altra macchia nella vita di Klete Keller, che in passato ha dovuto fare i conti con pesanti problemi di depressione da cui è riuscito a risollevarsi grazie all’aiuto della sorella. Un periodo buio lasciato alle spalle non senza difficoltà, le stesse che dovrà affrontare adesso per tirarsi fuori da una situazione che appare tutt’altro che semplice da gestire.