**Antropologi: addio a Mary Bateson, esploratrice di temi esistenziali** (2)

(Adnkronos) – In Italia Mary Bateson ha allargato la sua notorietà con la pubblicazione di “Comporre una vita” (Feltrinelli, 1992), dove mette a punto la sua visione della vita come opera in continuo divenire. Saper cambiare in dialogo con gli eventi senza perdere la propria integrità è un’arte che Bateson ha raccontato di avere imparato lavorando per anni con un gruppo di amiche e che ha precisato e insegnato nelle opere successive non ancora tradotte in italiano (“Peripheral Visions” del 1994 e “Full Circes” del 2000).