Welfare: Pd, ‘politiche sociali e sociosanitarie siano priorità per il prossimo biennio’

Roma, 5 dic. (Adnkronos) – ‘Il Pd intende portare la centralità delle politiche sociali e dell’integrazione sociosanitaria come una delle priorità per il biennio 2021-2023″. A ribadirlo sono Brenda Barnini responsabile welfare PD e Rita Visini responsabile politiche per la disabilità.
‘Abbiamo avviato un percorso di confronto ed elaborazione con esperti del settore e politici al fine di rafforzare le nostre proposte. La crisi che si accompagna a quella sanitaria è soprattutto crisi sociale e dobbiamo assolutamente colmare il vuoto normativo che esiste in questo campo nel nostro Paese. A distanza di venti anni dall’approvazione della legge 328/2000, il Parlamento deve assolutamente farsi carico del compito che la Costituzione gli assegna nella “determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale” (art. 117 c. 2 lettera m). Oggi invece Il Welfare Italia Index rileva la grande differenza tra la prima e l’ultima Regione (oltre 28 punti di differenza) e la polarizzazione tra nord e sud del Paese (le ultime 8 Regioni appartengono all’Italia meridionale e insulare)”.
“è necessario pertanto che non solo si approvino già dalla legge di bilancio gli emendamenti che vanno nella direzione di strutturare i servizi sociali territoriali e stabilizzare le assunzioni degli assistenti sociali ma che si prosegua con forza sulla strada del riordino di questo pezzo fondamentale del Welfare. Accanto alla previdenza e alla sanità, le politiche sociali e sociosanitarie devono avere pari dignità. Definizione dei livelli essenziali, riordino dei fondi e aumento delle somme destinate alle politiche sociali, istituzione di una direzione interministeriale che faccia finalmente nascere l’integrazione tra il sociale e il sanitario. Queste le principali questioni su cui lavoreremo nei prossimi mesi”.