Formula 1, l’Aston Martin licenzia Perez per colpa di Vettel: il tedesco respinge ogni responsabilità

Sebastian Vettel si è soffermato sul licenziamento di Sergio Perez da parte dell'Aston Martin, respingendo ogni responsabilità riguardante l'accaduto

Sebastian Vettel ha già voltato pagina, lasciandosi alle spalle l’esperienza in Ferrari durata ben sei stagioni. Nel 2021, il pilota tedesco correrà con l’Aston Martin, ex Racing Poing, affiancando Lance Stroll sulla macchina rosa del team britannico, che ha deciso di appiedare Sergio Perez per scegliere il quattro volte campione del mondo. Nel frattempo il messicano si è accasato alla Red Bull, con cui ha firmato un contratto annuale con opzione per il 2022, un salto in avanti che non può che soddisfare Checo.

LEGGI ANCHE: Formula 1, i dettagli del contratto di Perez con la Red Bull

Nessuna responsabilità

sergio perez
Charles Coates/Getty Images

Sulla decisione dell’Aston Martin di lasciare Perez per prendere Vettel si è soffermato proprio il pilota tedesco, che ha sottolineato di non sentirsi responsabile di questa situazione: non è stata una mia decisione, anzi mi trovo molto bene con Checo. Dopo la sua vittoria in Bahrain abbiamo brindato insieme, ci siamo anche scambiati i caschi. Ero davvero felice per lui, perché la prima vittoria è sempre qualcosa di speciale” le parole di Vettel al quotidiano svizzero Blick. “Come la mia nel 2008 con la Toro Rosso aMonza. Perez merita un posto stabile in Formula 1. Nessuno dovrebbe farsi sfuggire un pilota del genere”.