Tav: Mulè, ‘dopo posizione M5S Conte si dimetta’

Roma, 23 dic. (Adnkronos) – “Lo spettacolo indegno di un partito di maggioranza come i 5stelle che abbandonano il proprio governo al suo destino sulla Tav dovrebbe spingere il presidente del Consiglio a immediate dimissioni per dignità. Con una scena surreale oggi in commissione Trasporti Forza Italia con il centrodestra hanno dimostrato ancora una volta chi ha a cuore l’interesse del Paese rispetto a chi gli volta le spalle. Il via libera al contratto di programma sulla Tav con i circa 100 milioni di euro destinati a opere di compensazione in Piemonte, significa tenere alta la bandiera dello sviluppo rispetto a chi come il Movimento 5 stelle vorrebbe il Paese rinchiuso nelle caverne della preistoria”. Lo afferma Giorgio Mulè, deputato Fi e portavoce dei Gruppi di Senato e Camera.
“Con la sfida epocale del Recovery Fund che attende nelle prossime settimane l’Italia e con il tradimento odierno del governo da parte dei 5stelle, non potrà esserci opera strategica da realizzare. Con il voltafaccia sulla Tav -conclude Mulè- oggi il governo ha dichiarato il suo fallimento: il premier Conte a questo punto dovrebbe trarre conclusioni logiche. Ma la logica, al pari del rispetto che si deve al Paese, non è sentimento che guida chi siede a Palazzo Chigi per opportunismo”.