Recovery: da Mes a servizi, i paletti di Renzi a Conte, ‘senza accordo, lasciamo’/Adnkronos (2)

(Adnkronos) – Anche Leu ha consegnato il documento sul Recovery e il Pd si appresta a farlo entro la serata. Ma rispetto al giudizio senza appello di Renzi, i dem si smarcano. “Non è tutto da rifare”, ha precisato Nicola Zingaretti rispetto a ricostruzioni di stampa. “Il Pd su richiesta del presidente del Consiglio sta lavorando a un documento da consegnare prima della riunione del Consiglio dei ministri che lo dovrà adottare per poi iniziare l’iter parlamentare. Sono settimane che lavoriamo per contribuire a scelte strategiche per l’Italia. Lo abbiamo fatto sempre in maniera costruttiva e responsabile, continuiamo e continueremo a farlo con questo spirito”.
Le osservazioni del documento dem ricalcano quelle già portate a Conte nell’incontro della settimana scorsa compresa la richiesta di attenzione sulle riforme del lavoro. “Si rischia di arrivare al termine del blocco dei licenziamenti senza una riforma degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive che abbiamo posto più volte al tavolo di maggioranza sul programma di governo”. Quanto alla governance, l’indicazione del Pd è che non sia sostitutiva ma di supporto alla Pa.
Il documento di Leu pone l’accento in particolare sulle infrastrutture sociali e la sanità di cui il capodelegazione Roberto Speranza è titolare. “Nel documento abbiamo ritenuto fondamentale riaffermare che i fondi destinati alla sanità, pari ad appena 9 miliardi, sono largamente insufficienti”.