Psicologia: è morto James Flynn, scoprì il quoziente intellettivo progressivo (2)

(Adnkronos) – Oltre che nel campo della psicologia, Flynn è stato un intellettuale impegnato nella riflessione filosofica ed etica sulla modernità, con libri di successo internazionale. In Italia sono usciti “Osa pensare. Venti concetti per capire criticamente e apprezzare la modernità” (Mondadori Education, 2013), “Senza alibi. Il cambiamento climatico: impedire la catastrofe” (Bollati Boringhieri, 2015) e “Destino e filosofia. Un viaggio tra le grandi domande della vita” (Mondadori Education, 2015).
Flynn nei suoi saggi di attualità illustra perché e come, per capire e apprezzare i vantaggi e i benefici del mondo moderno, è necessario saper usare la logica; insieme al criterio di falsificabilità, aver chiaro come si costruisce un campione, cosa sono un gruppo di controllo, una percentuale, una proporzione, una correlazione, l’effetto placebo e il QI. E anche come funziona il mercato, come evitare la fallacia naturalistica, e gli abbagli cognitivi che son dietro le varie forme di relativismo (culturale, epistemologico e storico) e antirealismo. Il pensiero critico, per Flynn, non usa mai argomenti che fanno appello alla natura o a un intervento soprannaturale.