**Politologi: addio a Giorgio Galli, il teorico del bipartitismo imperfetto**

Roma, 27 dic. – (Adnkronos) – (Ripetizione da altra categoria)
Lo storico e politologo Giorgio Galli, uno dei massimi studiosi italiani di scienza della politica, che nella Prima Repubblica teorizzò il “bipartitismo imperfetto” tra Dc e Pci, e in seguito ha abbinato l’indagine sui poteri occulti e l’esoterismo a un’analisi che non si è tradotta in una dietrologia permanente, è morto oggi, improvvisamente, per un infarto, nella sua casa di Camogli, in provincia di Genova, all’età di 92 anni.
Nato a Milano il 10 febbraio 1928, laureato in giurisprudenza, Galli è stato docente per trent’anni di storia delle dottrine politiche all’Università degli Studi di Milano. Autore di oltre 70 libri dedicati alla storia contemporanea italiana, in particolare al secondo dopoguerra, Galli ha incentrato il suo lavoro sulla storia politica italiana recente, adottando metodologie mutuate dalle scienze sociali, argomento dei suoi volumi e saggi giornalistici, prevalentemente su “Panorama”, con cui ha collaborato per un trentennio. Si affermò con il saggio “Il bipartitismo imperfetto. Comunisti e democristiani in Italia” (Il Mulino, 1966), in cui descrisse il sistema politico repubblicano come un dualismo tra Dc e Pci al quale però mancava l’alternanza. Singolare figura di studioso al contempo regolare ed eccentrico, curioso ed anticonformista ha riflettuto a lungo sull’anomalia del sistema partitico italiano, coniando espressioni come “capitalismo assistenziale” e “sistema bloccato”.
E’ autore di libri pionieristici come “Storia del Partito comunista italiano” (con Fulvio Bellini, Schwarz, 1953); “La sinistra italiana nel dopoguerra” (Il Mulino, 1958); “La sinistra democristiana. Storia e ideologia” (con Paolo Facchi, Feltrinelli, 1962); “Il difficile governo. Un’analisi del sistema partitico italiano, Bologna” (Il Mulino, 1972); “La crisi italiana e la destra internazionale” (Mondadori, 1974); “Dal bipartitismo imperfetto alla possibile alternativa (Il Mulino, 1975); “I partiti politici in Italia. 1861-1973” (Utet, 1975).