Pescatori in ostaggio: sindaco Mazara ‘100 giorni da sequestro, delusi e amareggiati’ (2)

(Adnkronos) – “Il lavoro che facciamo qui è di tenere alta l’attenzione con manifestazioni ma anche per tenere coesa una comunità, quella delle famiglie dei pescatori, che vive uno stato anche di disagio psicologico. E’ chiaro che i nervi poi saltano. Queste ore sembrano interminabili. Questo è il vero momento di difficoltà, inventarsi ogni giorno un racconto nuovo per tenere alta la fiducia e la speranza”.
Il sindaco ricorda che “è la delusione il sentimento che per ora alberga soprattutto nei parenti – dice – sono delusi e arrabbiati, è questa delusione non può che sfociare in sentimenti di disappunto e di rabbia. Finora tutto si è svolto con grande compostezza e determinazione e noi lavoriamo perché continui così. C’è molta amarezza negli sguardi dei familiari”.
“Io tengo alta la fiducia nelle istituzioni, non può che essere così, e nel nostro governo che deve compiere questo sforzo finale- aggiunge il sindaco Quinci – Noi abbiamo avuto percezione che il primo mese questa storia è stata presa non con la giusta determinazione, solo dopo un mese c’è stata una presa di posizione forte dei media grazie ai familiari che hanno fatto un presidio a Montecitorio”.