Pd: tra insofferenze e posizionamenti, il segnale dei ‘frondisti’ dem in Parlamento/Adnkronos (2)

(Adnkronos) – “C’è un tema di confronto e di giusta considerazione da parte del governo. Non si può far finta che le richieste dei gruppi non esistano o addirittura banalizzarle e derubricarle. Noi siamo qui in prima linea a farci carico della tenuta della maggioranza ogni giorno. Con tensioni evidenti, a partire dal Mes. Sarebbe importante ci fosse un maggiore dialogo, riconoscimento e comprensione”, dice uno dei sottoscrittori delle lettere di ieri che chiede di non essere citato perchè “non vogliamo alimentare ulteriori tensioni”.
A sottoscrivere le lettere sono stati alcuni parlamentari di Base Riformista, qualcuno dell’area Martina e dei Turchi di Matteo Orfini. “Io non ho firmato -spiega Orfini all’Adnkronos- ma alcuni dei miei sì perchè condividevamo il merito della richiesta ovvero quello di rivedere per i piccoli comuni lo stop alla mobilità perchè crea squilibri rispetto a chi abita in una grande città”.
Per quanto riguarda invece Base Riformista dicono nel ‘corpaccione’ della componente ci sia chi consideri troppo compressa l’azione, appunto, riformista dem. Ad esempio, nella dialettica tra istanze sanitarie e istanze economiche nella gestione della pandemia. “Non possiamo farci scavalcare da Renzi”, il senso dei ragionamenti.