Formula 1, Hamilton spaesato dopo le FP2 di Abu Dhabi: “avevo perso l’abitudine a causa del Covid”

Lewis Hamilton ha parlato dopo le FP2 del GP di Abu Dhabi, esprimendo il proprio punto di vista sul lavoro svolto in pista in vista di domani

Giornata tutto sommato positiva per Lewis Hamilton ad Abu Dhabi, il pilota britannico ha chiuso la seconda sessione di prove libere al secondo posto, dietro il compagno di squadra Valtteri Bottas.

Mark Thompson/Getty Images

Un buon modo per riprendere confidenza con la sua Mercedes, lasciata quasi due settimane fa a causa della positività al Coronavirus. Il campione del mondo non ha voluto parlare del suo stato di salute, soffermandosi sulla prestazione in pista che è stata comunque soddisfacente considerando di aver dovuto fare i conti con il Covid. Queste le sue parole ai microfoni di Sky Sports: “sono felice di essere tornato. Sintomi Covid? Non mi va di parlarne in modo troppo approfondito, è stata un’esperienza. Ora sono felice di essere tornato in macchina, sono grato di essere tornato con il team. Ho fatto un paio di sessioni per riprendere il ritmo, non so neanche bene quanto tempo sono stato al volante, ma abbiamo fatto quello che dovevamo fare e siamo pronti per domani“.

“Sembra passata una vita”

Mark Thompson/Getty Images

Lewis Hamilton ha anche ammesso di aver dovuto lavorare per bilanciare la sua Mercedes, apparsa molto instabile nel corso della mattinata. Una volta risolti i problemi, il britannico ha ammesso di essersi trovato a suo agio in vista di domani: mi è sembrato di aver passato tantissimo tempo lontano dalla macchina e dalla pista, ho dovuto riprendere l’abitudine, che non era proprio la stessa di quando avevo lasciato. Il bilanciamento non era lo stesso e ho dovuto lavorare per riportarlo in una situazione che mi mettesse a mio agio, così come i freni. I ragazzi in ogni caso hanno lavorato alla grande, abbiamo perso circa 40 minuti e due set di gomme che non abbiamo potuto utilizzare. Ma come detto, la sessione è andata bene. Poteva andare meglio però. Non abbiamo raggiunto l’obiettivo che volevamo ma speriamo di poterlo fare domani“.