Morte Maradona, atto ignobile nella guerra per l’eredità: bloccata l’assicurazione medica del figlio del Pibe

La morte di Maradona ha dato il via a una cruenta guerra per l'eredità, in cui il primo colpo ignobile è stato inferto al piccolo Dieguito, figlio piccolo del Pibe

La morte di Maradona non ha solo dato il via ad un’inchiesta per scoprire le cause di questo tragico evento, ma anche a una vera e propria guerra familiare per l’eredità del Pibe, ancora non quantificata dal tribunale. Tanti i beni di sua proprietà, a cui si aggiungono svariati milioni che dovranno essere divisi tra i parenti di Maradona e i cinque figli riconosciuti.

Ricardo Ceppi/Getty Images

All’interno di questo vero e proprio ‘tesoretto’ c’è anche un container pieno di roba del Pibe, che inizialmente avrebbe dovuto andare al piccolo Dieguito, avuto dal Diez con Veronica Ojeda, ma con il decesso anche quello è finito nell’eredità. Al suo interno la maglia di Stoichkov e quella del Fenomeno Ronaldo, oltre alla chitarra con cui Andres Calamaro compose la canzone ‘Maradona’ e la lettera mandatagli da Fidel Castro:Diego mi aveva chiesto di portare tutto a Dieguito, ma adesso quel desiderio non conta più, perché appartiene a tutti i figli” le parole del compagno della Ojeda.

Colpo ignobile al piccolo Dieguito

Maradona
Rodrigo Valle/Getty Images

Una vera e propria guerra dunque per l’eredità, iniziato poco dopo la morte di Maradona, quando Jana, Dalma e Giannina si sono presentate in tribunale per avviare le pratiche della successione pur non essendoci i tempi tecnici, dovendo trascorrere 9 giorni di lutto. In questa battaglia però, un primo colpo basso è stato inferto al piccolo Dieguito, come riportato da Mario Baudry, avvocato e compagno di Veronica Ojeda: “prima vogliamo capire perché Maradona è morto, per poterlo spiegare al figlio. Ma il giorno dopo la scomparsa mi hanno comunicato che l’assicurazione medica di Dieguito era stata bloccata, e lui ne ha assolutamente bisogno. Non so da chi o come, ma questo non può capitare”. Una mossa che potrebbe aver compiuto Matias Morla, l’avvocato di Maradona, che per ora non si fa vedere pubblicamente“.

L’ex moglie e le figlie cacciate dal testamento

Maradona
Gareth Cattermole/Getty Images

La guerra per l’eredità iniziata dopo la morte di Maradona si è arricchita di un nuovo particolare, ossia un documento del 2016 con cui Diego aveva revocato un precedente testamento redatto a favore dell’ex moglie Claudia Villafañe e delle due figlie Dalma e Giannina nel lontano 2012, con atto numero 159. Una mossa messa in atto da Maradona dopo la guerra giudiziaria con l’ex compagna, che ha coinvolto anche le figlie schieratesi dalla parte della madre. Un documento di revoca che fa felici gli altri figli del Pibe, ossia Diego Junior, Jana e Dieguito Fernando che avranno gli stessi diritti di Dalma e Giannina nella divisione dei beni.