Mafia: Mannino, ‘io costretto a 30 anni di via Crucis, c’è ancora speranza con magistrati liberi’ (2)

(Adnkronos) – “Il risultato di oggi è così importante perché importante è stata la sentenza di primo grado e particolarmente poi quella di secondo grado della corte di appello – prosegue Calogero Mannino parlando con l’Adnkronos – una sentenza monumentale che non poteva essere scalfita da nessuna delle finzioni che hanno motivato tutta la condotta della pubblica accusa e proprio per questo almeno sul piano storico e non per la mia storia e per il mio nome, ma anche, e soprattutto per le conseguenze che un processo infondato ha esercitato sulla giusta ricerca ed intelligenza di quello che è avvenuto in Italia dal 1992”.
“Per oggi il mio ringraziamento allo Spirito Santo e voglio ricordare che quando Benedetto Croce prese la parola in sede di assemblea costituente per l’approvazione della Costituzione italiana disse “Veni, creator spiritus”.
Poi l’ex ministro vuole ringraziare “le persone per me carissime: il professor Carlo Federico Grosso e Grazia Volo (i suoi legali ndr), che sono stati i miei angeli”. E conclude: “Sono lieto per mia moglie, per mio figlio, per i miei nipoti Vittoria e Calogero che hanno partecipato nel tempo, diversamente, a questa mia lunga via crucis”. (di Elvira Terranova)