Mafia: assolto Mannino, cosa succederà adesso al processo trattativa di Palermo?/Adnkronos (4)

(Adnkronos) – Un altro ‘giallo’ riguarda il telefono cellulare che avrebbe tenuto in cella il boss mafioso Totò Riina mentre era detenuto al 41 bis. Aveva o non aveva un cellulare a disposizione nel periodo in cui si trovava detenuto nel carcere di Rebibbia nel luglio, agosto 1993? Lo scorso 9 novembre è stato ascoltato l’ex prefetto Luigi Rossi, al tempo vice del capo della polizia Parisi, sentito in videoconferenza di fronte alla Corte d’Assise d’Appello di Palermo.
Rispondendo alle domande del sostituto procuratore generale Giuseppe Fici, Rossi ha detto di non ricordare il particolare della nota riservata e, pur non escludendolo, di non aver interloquito con Parisi rispetto alla detenzione di Riina o la vicenda del cellulare. Tuttavia leggendo le carte ha confermato di aver effettuato lui un’annotazione a matita, nella carpetta che riguardava l’argomento, nel 2 novembre con i riferimenti al funzionario Fera e l’ex vice capo del Dap Francesco Di Maggio.
La prossima udienza si terrà il 14 dicembre. In quella successiva, prevista per il 18 dicembre, verrà sentita la dirigente della Squadra mobile Marzia Giustolisi. (di Elvira Terranova)