Imprese: Calcagnini, ‘Cdp pronta ad assicurare rapido avvio Patrimonio destinato’

Roma, 14 dic. (Adnkronos) – “Cdp si è già strutturata e ha avviato le attività propedeutica in vista del tempestivo avvio dell’operatività appena sarà completato l’iter normativo”. Ad affermarlo è il vice direttore generale di Cdp Paolo Calcagnini nel corso della sua audizione davanti alle Commissioni riunite Finanze e Attività produttive della Camera in merito all’avvio del fondo pubblico ‘Patrimonio Destinato’ la cui gestione è affidata appunto a Cassa Depositi e Prestiti. “Siamo pronti a procedere con la massima tempestività e rapidità alle analisi delle operazione dei soggetti interessati”, aggiunge.
Il fondo ‘Patrimonio Destinato’ è stato affidato alla Cdp “a sostegno delle imprese e per favorire il loro rilancio”. Le imprese che potranno beneficiare di questo fondo sono società, con sede legale in Italia, con un fatturato superiore a 50 milioni di euro. Le imprese che soddisferanno questi requisiti ma anche altri potranno accedere a due tipologie di intervento: per quanto riguarda l’operatività a ‘temporary framework’ i cui interventi dovranno essere erogati entro settembre 2021 “a meno di deroga”, sottolinea Calcagnini, “gli strumenti a disposizione sono 4: aumenti di capitale, prestito obbligazionario convertendo, prestito obbligazionario subordinato convertibile e prestito obbligazionario subordinato”.
Nell’ambito dell’operatività a condizioni di mercato, gli strumenti a disposizione delle imprese che richiederanno al Patrimonio di coinvestire con investitori privati sono l’aumento di capitale e il prestito obbligazionario convertibile.