Governo: tutti lo vogliono nessuno lo chiede, fantasma rimpasto si allontana/Adnkronos (2)

(Adnkronos) – Tornando al rimpasto vero e proprio, alcuni temono che rimettere mano alla formazione possa condurre, in un baleno, a una crisi al buio: “Pensi di toccare due o tre poltrone e alla fine ti ritrovi che ti sfilano anche la tua”, sintetizza un big di governo. Per evitare rischi, l’ideale sarebbe un”operazione chirurgica’, rapida e il più indolore possibile, sacrificando magari i ministri ‘tecnici’ per accontentare la politica: leggi Viminale.
Così si potrebbe pensare a un passo indietro della ministra Luciana Lamorgese, al suo posto potrebbe subentrare il vicesegretario del Pd Andrea Orlando, anche se per placare gli animi di Italia Viva e dei renziani una buona mossa potrebbe essere quella di cedere il ministero degli Interni a Ettore Rosato, considerato sulla rampa di lancio di Iv. Sebbene da Italia Viva si continui ad assicurare che “il rimpasto non è assolutamente all’ordine del giorno”, come ha ribadito anche stasera in Tv la capogruppo a Montecitorio Maria Elena Boschi.
Appaiono invece blindati, con un occhio vigile del Quirinale, i dicasteri della Difesa, degli Affari esteri e dell’Economia, benché il responsabile del Mef, Roberto Gualtieri, sarebbe nel mirino di diversi esponenti delle forze di maggioranza: non solo inviso a M5S e IV, ma anche vittima del fuoco amico del suo stesso partito, il Pd.