Governo: Provenzano, ‘crisi? Al voto col proporzionale, no liste personali’

Roma, 31 dic (Adnkronos) – “La strada è un chiarimento in tempi brevi perché il Paese non può restare in balia di veti e rinvii. Tutti hanno pari dignità anche i partiti del 2%. Dire ‘o fai come dico io o stacco la spina” mette in crisi però non solo questo governo, ma ogni governo possibile in futuro e getta il Paese in un’instabilità che non si può permettere. è il tempo del riscatto, non del ricatto”. Lo dice Peppe Provenzano, a ‘Repubblica’, parlando delle tensioni nella maggioranza.
Se non si trova la sintesi “non vedo alternative a questa maggioranza in questa legislatura”, aggiunge il ministro del Sud che poi sui tempi per fare la nuova legge elettorale spiega: “Sulla base di quell’accordo i tempi ci sarebbero e in democrazia il voto non può essere mai un tabù”.
Su una eventuale alleanza con il M5s e Conte candidato premier con una sua lista Conte, Provenzano dice: “Credo nei partiti, non nelle liste personali. Io sono per una legge proporzionale, l’Italia ha bisogno di rappresentanza e faccio notare che nemmeno in quella vigente è prevista l’indicazione del candidato premier. La nostra forma di governo è parlamentare. Ma mi lasci aggiungere una cosa: il voto lo decide il presidente della Repubblica, tirarlo in ballo nelle polemiche di queste settimane è deprimente, ascoltiamo le sue parole con attenzione in questo messaggio di fine anno di cui gli italiani avvertono un gran bisogno. E io tra questi”.