Dl ristori: Gelmini, ‘rischio di inutile mancia’

Roma, 5 dic. (Adnkronos) – “I decreti ristori, così come concepiti dal governo, non stanno dando le risposte che il Paese si aspettava. Troppe rigidità, troppe regole, troppi codici Ateco, intere categorie tagliate fuori, risorse limitate. Il risultato? I soldi che, spesso tardivamente, arrivano rischiano di rappresentare una inutile mancia, che non serve a tranquillizzare i nostri concittadini”. Lo afferma Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera.
“Secondo la Cgia di Mestre -ricorda- entro dicembre sono a rischio chiusura 350 mila piccole e micro attività, che lasceranno senza lavoro almeno un milione di addetti. è ovvio che qualcosa non va. Forza Italia ha presentato emendamenti alla legge di Bilancio per riscrivere i meccanismi previsti dal governo. Partire dai costi fissi, via i codici Ateco, cancellare e non rinviare le tasse relative ai mesi più critici della pandemia, non creare in alcun modo italiani di serie A (garantiti) e italiani di serie B (non garantiti). L’esecutivo abbia coraggio, un briciolo di umiltà, e accolga le nostre proposte”.