Coronavirus, la triste ammissione di Luca Zaia: “mi è morto il cavallo, il 2020 vada fuori dalle balle”

Luca Zaia, governatore del Veneto, ha rivelato come questo sarà un Capodanno diverso a causa del Coronavirus e della morte del suo amato cavallo

Il terremoto in Crozia, avvertito in maniera importante anche in Veneto, ha chiuso in maniera pessima un 2020 davvero tremendo. Un anno che difficilmente verrà dimenticato, soprattutto per il Coronavirus, che ha messo in ginocchio non solo l’Italia ma il mondo intero.

La morte del cavallo

Luca ZaiaLuca Zaia, governatore del Veneto, ha tracciato oggi il bilancio di quest’anno nel consueto punto stampa alla sede della Protezione civile di Marghera (Venezia), parlando anche del modo in cui festeggerà il Capodanno: “domani sarò a casa, come al solito, con mia moglie. Non ho una tradizione di feste, quindi per me questo Capodanno non cambia nulla rispetto al passato. Una volta, il primo dell’anno andavo a cavallo, ma mi è morto anche il cavallo… me ne sono successe di tutte quest’anno. Quindi, dopo il Natale più triste della nostra vita, sarà anche il peggior Capodanno e non ho motivo di festeggiare sapendo che ci sono persone che stanno lottando per la vita. Mancano ancora poche ore al 2020 e chissà che se ne vada fuori dalle balle”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il bollettino aggiornato del 30 dicembre

“Ringrazio chi mi vuole male”

Luca Zaia poi ha dedicato un pensiero a medici e infermieri, lanciando anche una frecciatina ai suoi detrattori: “vorrei quindi fare gli auguri a tutti i veneti, iniziando da chi non ha la salute, di poter tornare in piena salute nel 2021 e a tutti gli operatori della sanità, gli eroi, gli angeli: un augurio con il cuore in mano lo faccio a loro, e se brinderemo facciamolo a loro. Spero poi che il 2021 ci restituisca le nostre vite, perché quest’anno il mondo si è fermato. Voglio ringraziare infine anche tutti quelli che mi vogliono male: io mi batterò sempre perché chi protesta abbia il diritto di farlo, anche se lo fa perché è parte politica avversa. Ma non si faccia sotto casa, e puntando alla violenza verbale”.