Coronavirus: ‘più grande vaccinazione di massa’, prima iniezione anche in Sicilia/Adnkronos (4)

(Adnkronos) – Non riesce a nascondere il suo entusiasmo Renato Costa, il commissario per l’emergenza Covid a Palermo che al suo arrivo all’ospedale Civico per la prima somministrazione del vaccino dice: “Finalmente la luce”. “Da oggi in poi – spiega – le battaglie hanno una motivazione in più, abbiamo lo strumento che ci metterà nelle condizioni di essere ancora più attenti nei nostri comportamenti”. “E i prossimi giorni – spiega ancora Costa – ci serviranno per capire come proseguire”. Si dice, dunque, convinto che “entro giugno la stragrande maggioranza dei palermitani sarà vaccinata”. E aggiunge: “Entro alcuni mesi dovremmo essere pronti per la vaccinazione di massa. In questo modo potremo vaccinare buona parte della cittadinanza”.
Per l’assessore regionale alla Salute della Sicilia, Ruggero Razza “è importante che la somministrazione del vaccino sia partito nello stesso momento per tutti, in Sicilia, in Italia, in tutta Europa. E’ un messaggio davvero importante di condivisione con tutti i cittadini”, come ha detto all’Adnkronos. E annuncia: “Anche in Sicilia si prosegue con la fase uno che prevede operatori sanitari, sociosanitari, residenze sanitarie assistenziali dove ci sono anziani ed il loro personale. Lo step successivo saranno gli over 80 che in Sicilia sono numerosi, oltre 350 mila – dice Razza – la campagna vaccinale occuperà buona parte del 2021”.
Intanto all’ospedale Civico si prosegue con le prime somministrazioni. Nel pomeriggio tocca alle prime Rsa. Tra gli anziani vaccinati in una Rsa anche una donna di 93 anni. In tutto sono circa 80 le dosi di vaccino somministrate oggi in Sicilia. E nei prossimi giorni si continua. (di Elvira Terranova)