Coronavirus, Salvini disintegra il ministro Lamorgese: “infrange le regole chi deve farle rispettare, si dimetta”

Matteo Salvini si è scagliato contro Luciana Lamorgese, ministro degli Interni, che ha scoperto di essere positiva al Coronavirus durante il Consiglio dei Ministri

Davvero grottesco quanto accaduto oggi durante il Consiglio dei Ministri, quando è arrivata la positività al Coronavirus del ministro degli Interni Luciana Lamorgese, che ha immediatamente abbandonato Palazzo Chigi. Una notizia che spinto i ministri della Giustizia, Alfonso Bonafede, e degli Esteri, Luigi Di Maio a sottoporsi ad auto-isolamento fiduciario per essere entrati in contatto con la collega. La ministra Lamorgese aveva effettuato il tampone in tarda mattina, per poi raggiungere il premier Conte e gli altri ministri per il Consiglio. Durante la riunione però è arrivata la comunicazione da parte del medico, che l’ha obbligata a rientrare presso la sua abitazione.

L’accusa di Matteo Salvini

Elisabetta Villa/Getty Images

Immediate sono arrivate le reazioni dell’opposizione, in particolare quella di Matteo Salvini, che ha chiesto le dimissioni di Luciana Lamorgese: “auguri di pronta guarigione al ministro Lamorgese. Una volta guarita, che è la cosa più importante, bisognerà chiarire se sia vero – come scrivono alcune fonti – che abbia disubbidito alle disposizioni del suo stesso governo, andando in Consiglio dei Ministri senza attendere il risultato del test, mettendo così a rischio la salute di altre persone. Il ministro che controlla e multa gli italiani che non rispettano le regole, non può essere la prima a non rispettarle: in questo caso le dimissioni sarebbero dovute“. 

Giorgia Meloni attacca il Governo

Paolo Bruno/Getty Images

Intanto Giorgia Meloni ha attaccato duramente il premier Conte e i suoi ministri, accusandoli di aver diffuso il Coronavirus in Italia: “i primi responsabili della diffusione del virus sono Conte e i suoi ministri, che pontificano in tv ma non hanno fatto assolutamente nulla per fermare il contagio e aiutare famiglie e imprese in ginocchio. Lezioni da gente che pensa ai banchi a rotelle, al bonus monopattini, a nominare gli amici degli amici e che in piena pandemia discutono solo di poltrone e rimpasto e di aprire le porte all’immigrazione clandestina non le prendiamo“.