Coronavirus, il virologo Pregliasco lancia l’allarme: “quando partirà il piano vaccini avremo guai seri”

Il virologo ha sottolineato che in Italia potremo avere guai seri se i contagi saliranno nuovamente in contemporanea con l'inizio del piano vaccini

L’emergenza Coronavirus continua a mettere in ginocchio l’Italia, obbligando il Paese intero a rispettare misure drastiche per evitare la diffusione del contagio. Le prossime settimane saranno fondamentali nella lotta alla malattia, considerando le festività natalizie imminenti e il piano vaccinale che dovrebbe partire a gennaio.

Vaccino
Mario Tama/Getty Images

Sulla questione si è soffermato il virologo Fabrizio Pregliasco, intervenuto ai microfoni dell’Adnkronos: “dobbiamo riuscire a ridurre i numeri dell’epidemia di Coronavirus in Italia in modo consistente, anche per prepararci bene a quella che sarà la campagna vaccinale. Perché se in concomitanza con l’avvio del piano vaccini avremo una terza ondata pesante, saranno guai seri. Ormai questa malattia si è così diffusa che riusciremo a contenerla solo se la vaccinazione avrà successo, non a caso sul vaccino anti-Covid c’è un interesse geopolitico tanto importante”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il bollettino aggiornato del 12 dicembre

Divieto di spostamenti

Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

Il virologo italiano poi ha proseguito nella sua analisi, soffermandosi anche sul divieto di spostamento tra Comuni previsto nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno:la questione va trattata con buonsenso. E’ vero che chi abita in grandi città come Roma o Milano può girare per chilometri e chilometri all’interno dello stesso Comune, mentre chi vive in un piccolo paese magari il centro commerciale ce l’ha al di là della strada in un altro Comune. Quindi va bene applicare il buonsenso magari per correggere qualche incongruenza, ma attenzione: non dobbiamo ridicolizzare il Dpcm, perché il Dpcm ci dice sostanzialmente che ogni contatto è un rischio e non dobbiamo perdere il senso del provvedimento”.