Coronavirus, la tremenda previsione di De Luca: “fare cenoni a Natale è come aprire le porte alla morte”

Vincenzo De Luca ha spaventato i cittadini campani sui social, relativamente alle misure anti-Coronavirus che attuerà durante le festività natalizie

Il nuovo Dpcm sulle misure anti-Coronavirus per le festività natalizie verrà probabilmente reso noto oggi dal premier Conte, ma intanto i governatori di Regione stanno iniziando ad emettere ordinanze per limitare ulteriormente gli assembramenti e le uscite dei cittadini in questi giorni di festa. Vincenzo De Luca è intervenuto oggi in diretta su Facebook per mettere in guardia i campani su quello che succederà nei prossimi giorni, paventando misure rigidissime per Natale e Capodanno.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’assurda teoria del leghista Ciocca

Le parole di De Luca

Natale
Leon Neal/Getty Images

Utilizzando al solito parole durissime, Vincenzo De Luca ha provato a scoraggiare i cittadini della Campania, sottolineando come riunirsi in famiglia equivale a morte annunciata: “non ci sarà la mobilità per i comuni sotto i 5mila abitanti, faremo un’ordinanza che lo vieta. Faremo credo anche questo fine settimana qualche ordinanza per bloccare la vendita di alcolici e per bloccare il consumo di alcolici e di qualunque altro genere di consumo in pubblico. Dobbiamo dire in maniera brutalmente chiara che questo momento di eventuale raccolta in famiglia è aprire le porte della terapia e della morte per gli anziani. Moltiplicate per milioni di famiglie e rendetevi conto di che può succedere. Altro che umanità”.