Coronavirus, vergognosa gaffe di Giulio Gallera: viola due norme anti-Covid facendo jogging

Gaffe clamorosa di Giulio Gallera, che ha violato in un colpo solo due norme anti-Coronavirus proprie della zona arancione, quella appunto della Lombardia

Giulio Gallera è finito nell’occhio del ciclone per alcune foto postate sui social, che hanno attirato nei suoi confronti parecchie critiche.

Gallera
Emanuele Cremaschi/Getty Images

L’assessore al Welfare della Lombardia infatti è riuscito a violare due norme anti-Coronavirus in una volta sola, facendo imbufalire il web dal momento che quelle regole lui dovrebbe farle rispettare, non violarle. Gallera infatti ha pubblicato delle foto scattate insieme ad alcuni amici durante un’attività sportiva, compiuta su un percorso di 20 chilometri, come si evince dallo screenshot del navigatore. Così facendo, l’assessore al Welfare ha infranto due misure anti-Coronavirus previste per le Regioni in zona arancione, come appunto la Lombardia.

Le norme violate da Gallera

Essendo la Lombardia in zona arancione, Gallera innanzitutto non avrebbe potuto svolgere attività fisica in gruppo, ma esclusivamente da solo. In secondo luogo, non avrebbe potuto uscire dal comune di Milano, se non in caso di salute, lavoro o necessità (ad esempio per attività inerenti al suo ruolo istituzionale e politico). Invce, l’assessore al Welfare ha oltrepassato il confine del comune di Milano, precisamente all’altezza di Cascina Gobba in direzione Vimodrone-Cernusco sul Naviglio. Un comportamento che ha fatto infuriare il virologo Andrea Crisanti, che ha usato parole molto dure all’indirizzo di Gallera: “per una cosa simile in Inghilterra si sarebbe dovuto dimettere. Ma siamo in Italia e questo non succederà. Comunque, non è un bell’esempio sicuramente“.