Coronavirus, la pesante accusa di Salvini: “è stato creato in un laboratorio cinese, l’OMS è stata complice”

Matteo Salvini è tornato a parlare delle origini del Coronavirus, sottolineando come sia stato creato in laboratorio e accusando l'OMS di complicità

L’Italia si prepara a fare i conti con un Natale molto particolare, le festività saranno diverse rispetto a quelle degli scorsi anni a causa dell’emergenza Coronavirus, che sta spingendo il Governo ad irrigidire le misure anti-Covid. Una scelta che non piace affatto a Matteo Salvini, contrario al fatto di chiudere in casa nonni e bambini a Natale e Capodanno.

Elisabetta Villa/Getty Images

Intervenuto in Senato, il leader della Lega ha puntato il dito contro il premier Conte e i ministri: “hanno la testa al rimpasto, alla verifica, ai servizi segreti, è triste. E’ triste che l’Italia sia appesa al confronto tra Conte e Renzi, non è quello che gli italiani si aspettano. Vi imploriamo di non rubare il Natale ai bimbi e alle famiglie di questo Paese. Non c’è un dato scientifico che ci dice che chiudendo a casa nonni e genitori a Natale ci sia un vantaggio sanitario. Non puoi trattare Roma, come Pinzolo o uno dei borghi italiani, state discriminando le famiglie, italiani di serie A e di serie B. Non sarà un Natale di festoni, ma in Germania e Francia non vanno a guardare se le persone arrivano da 500 metri o 50 km. Ci sono quasi 66mila morti, solo questo ci dovrebbe dire ‘lavoriamo insieme'”.

Le accuse di Salvini

Matteo SalviniMatteo Salvini poi è tornato a parlare delle origini del Coronavirus, puntando il dito contro l’Organizzazione Mondiale della Sanità: “tutto è iniziato in un laboratorio cinese senza controllo, con l’OMS che ha dormito o è stata assente o complice. Mi domando perché i cittadini italiani dovrebbero continuare a pagare questa organizzazione. Spero che arriverà il momento, in cui qualcuno in questa aula chiederà il risarcimento a chi ha causato tutto questo, sperando che possa farlo“.