Cinema: è morto Peter Lamont, scenografo dei film di 007 e premio Oscar per ‘Titanic’ (2)

(Adnkronos) – Dal 1973 al ’79 Lamont è art director di “Agente 007 – Vivi e lascia morire” (1973); “Agente 007 – L’uomo dalla pistola d’oro” (1974); “La spia che mi amava” (1977), di nuovo al fianco di Ken Adam; “Moonraker – Operazione spazio” (1979), ancora collaborando con Adam.
A partire dal 1981 è scenografo sempre per la saga dell’agente 007 con “Solo per i tuoi occhi” (1981); “Octopussy – Operazione piovra” (1983); “007 – Bersaglio mobile (1985); “007 – Bersaglio mobile” (1985); “007 – Zona pericolo” (1987), “007 – Vendetta privata” (1989); “GoldenEye” (1995); “Il mondo non basta” (1999); “La morte può attendere” (2002); e per ultimo il recente “Casino Royale” (2006).
Peter Lamont per quattro volte ha ricevuto la nomination all’Oscar: l’Academy Awards lo ha selezionato per il suo lavoro in “Il violinista sul tetto” (1971), “La spia che mi amava” (1977) e “Aliens” (1986) e “Titanic” (1997). E proprio per quest’ultimo film kolossal diretto da James Cameron, interpretato da Leonardo DiCaprio e Kate Winslet, Lamont ha ricevuto il premio Oscar. Sempre con Cameron ha lavorato per “Aliens” (1986) e “True Lies” (1994).