Arte: è morta la restauratrice Pinin Brambilla Barcilon, salvò Ultima Cena di Leonardo (3)

(Adnkronos) – Pinin Brambilla ha affrontato i principali problemi legati alla conservazione e al restauro apportando contributi e metodologie innovative, grazie anche alla collaborazione con istituti scientifici e di ricerca. Non mancano nella sua attività importanti incarichi all’estero, come la collaborazione con il Louvre di Parigi o il Museo d’Arte Catalana di Barcellona, o ancora conferenze e seminari presso le principali università e istituti di Cultura (Washington, Chicago, New Delhj, Londra, New York, Toronto, Sidney, Los Angeles, Tokyo, Basilea, Oslo, Stoccolma).
Dal 1970 al 1990 ha partecipato come membro attivo al Comitato dell’Icc dell’Icom (Dipinti Contemporanei). Dal 1984 al 1993 è stata membro della Rèunions annuales du groupe peintures murales et mosaiques du Comitè de Conservation dell’Icom al Laboratoire des Monuments Historiques de France à Champs sur Marne. Dal 2005 ha fondato e diretto i laboratori del Centro per la Conservazione e il Restauro “La Venaria Reale”, polo di eccellenza per la formazione universitaria dei restauratori e la ricerca avanzata nel settore dei beni culturali.
Nel 2011-2012 ha fatto parte del comitato scientifico per il restauro della “Sant’Anna” di Leonardo del Louvre ed è stata membro del comitato ministeriale per le celebrazioni del cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci nel 2019. Il 27 settembre 2019 l’Università di Torino ha conferito la laurea honoris causa in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali a Pinin Brambilla Barcilon.