2020: da fiducia a unità, le parole di Mattarella nella lotta al coronavirus (2)

(Adnkronos) – Il Capo dello Stato perciò, nei giorni immediatamente successivi allo scoppio della pandemia, non esita a chiedere all’Unione europea “iniziative comuni, superando vecchi schemi ormai fuori dalla realtà delle drammatiche condizioni in cui si trova il nostro Continente”. E la sua voce si fa sentire quando qualcuno vorrebbe trascinare il nostro Paese sul banco degli imputati, rimproverandogli una gestione poco oculata dei propri bilanci.
L’Italia “si attende a buon diritto, quanto meno nel comune interesse, iniziative di solidarietà e non mosse che possono ostacolarne l’azione”, afferma dopo che la presidente della Bce, Christine Lagarde, ha dichiarato che “non siamo qui per ridurre gli spread”. E a chi nei giorni delle frenetiche trattative sul Recovery fund vorrebbe utilizzare “categorie arbitrarie fra amanti della frugalità e cultori della non frugalità nell’Unione europea”, Mattarella ricorda che “negli ultimi 25 anni tra i grandi Paesi del G7 solo Germania e Italia sono quelli che hanno avuto un avanzo primario in bilancio di anno in anno”.
Con la Repubblica tedesca e con il Presidente Frank Walter Steinmeier un rapporto già intenso anche sul piano personale si intensifica ulteriormente in questi mesi, con contatti continui ed iniziative comuni e il Capo dello Stato riconosce il ruolo “di Berlino e di Parigi per dar vita a quello che è diventato il Recovery fund”.
(segue)