Simone Inzaghi
Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images

Il caos tamponi scoppiato in caso Lazio rischia di avere pesanti ripercussioni sul club biancoceleste, soprattutto nel caso in cui la Procura Federale accerterà l’esistenza di violazioni al protocollo FIGC.

Immobile
Marco Rosi/Getty Images

La situazione di Ciro Immobile, Lucas Leiva e Thomas Strakosha è molto complessa e va analizzata nel dettaglio dal procuratore Chiné, che dovrà scoprire cosa è successo nelle ultime settimane. La mancata convocazione dei tre giocatori per la sfida di oggi contro la Juventus certifica una positività dei calciatori coinvolti, dunque come è stato possibile che Immobile si sia allenato con i compagni e addirittura sia sceso in campo contro il Torino. Andranno analizzati i tamponi effettuati nella struttura di Avellino e poi quelli svolti presso il Campus Biomedico. Nel caso in cui venissero accertate irregolarità, la Lazio rischia sanzioni più o meno pesanti dal momento che “la gravità della violazione è valutata in funzione del rischio per la salute dei calciatori, degli staff, degli arbitri e di tutti gli addetti ai lavori esposti al contagio da Covid-19, nonché dell’accertata volontà di alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione“.

Paolo Bruno/Getty Images

Dunque il rischio è alto e le sanzioni vanno dall’ammenda fino all’esclusione del campionato, passando dalla penalizzazione alla retrocessione. Il Torino si è già mosso, visto che Immobile ha giocato e segnato nel match vinto 4-3 di una settimana fa, presentando due esposti alla Procura federale con cui ha chiesto chiarezza. Toccherà al procuratore dirimere la matassa, ma ciò che è certo è che la Lazio rischia davvero grosso.