Shiffrin
Christophe Pallot/Agence Zoom/Getty Images

Petra Vhlova scia solida nella seconda frazione sulla Black di Levi, tracciata dal suo allenatore, l’italiano Livio Magoni, e conquista la terza vittoria della carriera sulla pista finlandese, incrementando il gregge di renne che l’organizzazione, da sempre, regala alle vincitrici. Vhlova, già prima a metà gara, non lascia nulla alle avversarie e si conferma anche nella seconda con il miglior parziale, lanciandosi decisamente nella corsa alla Coppa assoluta.

Ma è grande festa in casa America per una ritrovata Mikaela Shiffrin, apparsa brillante e veloce, pur avendo probabilmente “trattenuto” in alcuni passaggi per non perdere troppo distacco dall’eterna rivale. Sono solo 18 i centesimi che separano le due protagoniste dei rapid gates. Ma Shiffrin c’è e c’è da giurare che non potrà che crescere in stagione. Ottimo podio per la 23enne austriaca Katharina Liensberger, esattamente com’era successo nello slalom di Zagabria dello scorso gennaio. Poi ci sono Svizzera e Austria, con Holdener e Gisin, Truppe e Mair, intervallate dalla buona canadese Laurence St. Germain.

L’Italia mette nel primo slalom stagionale una bella prova di squadra con cinque atlete qualificate per la seconda manche e buoni segnali di crescita. Il risultato finale non rende del tutto giustizia alle azzurre, perché Irene Curtoni, causa piccoli errori nella seconda scende dal sesto all’undicesimo posto, che rappresenta comunque il suo migliore risultato in terra finlandese. Buon diciottesimo posto per Marta Bassino, autrice di una gara eccellente per una manche e mezzo, poi vittima di un grave errore a metà del secondo tracciato, con conseguente perdita di nove posizioni rispetto alla prima run. Fuori Federica Brignone, più fallosa nella seconda rispetto ad una prima in cui aveva acciuffato un bel quattordicesimo posto, con il terzo parziale nel tratto più tecnico.

Note positive da Martina Peterlini, nonostante il mal di schiena. La 23enne delle Fiamme Oro trova un buon 20/o posto, migliorando di nove posizioni il piazzamento della prima. Un paio di punti anche per Marta Rossetti, in discesa però nella seconda manche. Non si erano qualificate Lara Della Mea e la debuttante Serena Viviani. Domenica, al via la seconda gara femminile, con prima manche alle 10.15 in diretta su Rai Sport ed Eurosport.

Ordine d’arrivo SL femminile Cdm Levi (FIN):

  1. (1). Petra Vhlova SVK 1’50″11
  2. (2). Mikaela Shiffrin USA +0″18
  3. (3). Katharina Liensberger AUT +0″57
  4. (5). Wendy Holdener SUI +1″35
  5. (4). Michelle Gisin SUI +1″41
  6. (7). Laurence St. Germain CAN +1″42
  7. (8). Katharina Truppe AUT +1″77
  8. (16). Chiara Mair AUT +2″04
  9. (15). Melanie Meillard SUI +2″10
  10. (11). Katharina Huber AUT +2″25
  11. (6). Irene Curtoni ITA +2″28
    12. (13). Martina Dubovska CZE +2″49
  12. (12). Thea Louise Stjernesund NOR +2″61
  13. (10). Mina Fuerst Holtmann NOR +2″64
  14. (23). Erin Myelzynski CAN +2″65
  15. (20). Ana Bucik SLO +2″86
  16. (18). Lena Duerr GER +2″89
  17. (9). Marta Bassino ITA +3″02
    19. (21). Magdalena Egger AUT +3″14
  18. (29). Martina Peterlini ITA +3″28
    21. (19). Kristin Lysdahl NOR +3″33
  19. (22). Kristina Riis-Johannessen NOR +3″37
  20. (17). Andrea Filser GER +3″44
  21. (27). Marina Wallner GER +3″47
  22. (25). Amelia Smart CAN +3″54
  23. (26). Nastasia Noens FRA +3″61
  24. (30). Leona Popovic CRO +3″72
  25. (30). Neja Dvornik SLO +3″93
  26. (28). Marta Rossetti ITA +4″39

(14). Federica Brignone ITA uscita seconda manche
33. Lara Della Mea ITA +2″35 non qualificata seconda manche
44. Serena Viviani ITA +3″26 non qualificata seconda manche