La Ferrari annega in Turchia, un disastro tutt’altro che annunciato

Le due Ferrari non riescono a qualificarsi nella top ten, annegando sotto la pioggia torrenziale caduta in Turchia: che disastro in vista della gara

Inspiegabile, senza un apparente motivo valido. La Ferrari dopo aver brillato nelle prove libere di venerdì, annega sotto la pioggia di questo uggioso sabato turco, compiendo un vero e proprio disastro nelle Qualifiche.

Clive Mason/Getty Images

Leclerc e Vettel si salvano per il rotto della cuffia in Q1, uscendo poi di scena clamorosamente in Q2 incassando sei secondi di distacco da Max Verstappen, il più veloce in pista. I due piloti della Ferrari non vanno oltre il dodicesimo e il quattordicesimo posto, con il monegasco addirittura dietro il compagno di squadra, dopo aver chiuso ieri prima in terza e poi in seconda posizione le due sessioni di libere. Un’involuzione davvero pazzesca, il cui motivo al momento resta nascosto agli occhi di tutti, vista anche la differenza esorbitante con tutte le altre monoposto in pista.

Lance Stroll
Clive Mason/Getty Images

Giri su giri senza il benché minimo miglioramento, dovuto ad un utilizzo delle gomme molto diverso rispetto per esempio alla Red Bull. Un vero e proprio peccato per la Ferrari, considerando anche l’esito delle Qualifiche di oggi, con Lance Stroll capace di conquistare la prima pole position della sua carriera. Alle sue spalle Verstappen e Sergio Perez, con le due Mercedes in difficoltà in sesta e nona posizione rispettivamente con Hamilton e Bottas. Una doppia beffa per la Ferrari, costretta a rimboccarsi le maniche per non deludere anche domani in gara.