Conte
Paolo Rattini/Getty Images

Un risultato deludente, che obbliga l’Inter all’ultimo posto del proprio girone di Champions League. Amara sconfitta per i nerazzurri contro il Real Madrid, abile a imporsi 3-2 e superare proprio la squadra di Conte in classifica, in attesa del ritorno di San Siro.

Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images

Un ko che brucia, come ammesso dall’allenatore nerazzurro ai microfoni di Sky Sport nel post gara: “penso che ci vogliano anche questi step di crescita per noi. Non so quante squadre siano venute qui a Madrid a giocare questo tipo di partite, a rimontare due gol. Abbiamo ripreso la partita, abbiamo avuto le occasioni per fare il 3-2 e poi abbiamo subito il terzo gol. Sicuramente i risultati di questo ultimo periodo non premiano quello che stiamo facendo e per gli sforzi che i ragazzi stanno facendo. Però ci dimostrano che i dettagli devono essere curati al 100%, a volte i dettagli spostano la partita. C’è poco da dire sul retropassaggio, detto questo penso ci fosse un fallo su Hakimi di Mendy e su calcio da fermo c’è una marcatura che va fatta in maniera ferrea e decisa. I ragazzi devono capire che i dettagli spostano. La mentalità però con cui stiamo affrontando le partite mi lascia soddisfatto perché c’è una crescita esponenziale. Il Real Madrid oggi ha parlato di finale e il Real le finali non le sbaglia. Torniamo a casa con un risultato penalizzante“.